itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

Verso il rinnovo della CETS: continua il percorso del Parco Nazionale dell’Alta Murgia

Continua il percorso di avvicinamento del Parco Nazionale dell’Alta Murgia alla CETS, la Carta Europea del Turismo Sostenibile già ottenuta dall’Ente nel 2014 e che dovrà essere rinnovata.
La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette è uno strumento metodologico ed una certificazione che punta sulla collaborazione tra tutte le parti interessate a sviluppare una strategia comune ed un piano d'azione per lo sviluppo turistico, sulla base di un'analisi approfondita della situazione locale. L'obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nell'area protetta a favore dell'ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori. Nell’ambito del percorso che porta al rinnovo della CETS, si è tenuto ieri, presso Palazzo Caputi a Ruvo di Puglia, un forum tra tutti i soggetti che, da marzo, stanno seguendo il procedimento insieme all’Ente Parco. L’esperto Andrea Dalla Libera ha introdotto l’incontro invitando i partecipanti a descrivere le azioni che propongono al fine di presentare le azioni che consentiranno al Parco di ottenere il riconoscimento.
Le azioni devono basarsi su tre assi strategici, individuati dall’Ente insieme agli attori del territorio, volti a promuovere la cultura, i percorsi e i prodotti attraverso dieci principi fondamentali: le narrazioni legate alle conoscenze; l’agroastronomia; la scuola, la lingua e la cultura italiana; eventi tematici che colleghino natura, cultura e prodotti; percorsi tematici educativi; escursioni concerto; esperienze dirette con i prodotti della terra e la loro lavorazione; collegamenti, accoglienza e agroalimentare; orienteering; percorsi a lunga e a breve percorrenza e la possibilità di presentare, da parte degli stakeholders del territorio, pacchetti all-inclusive nei centri storici dei 13 Comuni del Parco.
Le iniziative dei singoli (che siano associazioni, Comuni, B&B, agriturismo, imprese del territorio, ecc.) consistono in investimenti ritenuti utili per lo sviluppo del territorio, investimenti fatti in autonomia agganciando i principi della sostenibilità sociale, ambientale ed economica. Insomma, azioni che chi vive e lavora nel territorio mette in atto in autonomia ma sapendo che anche l’Ente Parco andrà nella stessa direzione per rinnovare un riconoscimento che è un fiore all’occhiello per l’intero territorio.
A fine novembre si terrà il Forum finale in cui verrà redatto il documento per il rinnovo della CETS.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn