itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

ALTA MURGIA: UN PARCO PER API E FARFALLE

Con un monitoraggio a tutto campo entra nel vivo il progetto di tutela degli impollinatori del Parco 
La attività progettuali hanno rilevato oltre 80 specie di farfalle nel territorio dell’Alta Murgia 
Il prossimo bioblitz in programma il 15 maggio per rendere i cittadini protagonisti della ricerca scientifica
 
Gravina in Puglia, 9 aprile 2021. Entra nel vivo con un monitoraggio a tutto campo “Alta Murgia: un Parco per api e farfalle”, progetto per la salvaguardia degli insetti impollinatori avviato dal Parco in collaborazione con Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze, per aumentare la conoscenza delle specie che vivono nel Parco, individuando interventi di miglioramento ambientale e pratiche di gestione delle aree forestali e agricole.
 

CONCLUSO IL PROGETTO P.A.T.H. FINANZIATO NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA INTERREG V-A GRECIA-ITALIA 2014/2020

Molteplici i risultati raggiunti tra cui la creazione di un logo che accompagnerà il percorso di candidatura del Parco a Geoparco UNESCO, la valorizzazione di tredici itinerari, la creazione di un sentiero per persone con bisogni speciali e l’acquisto di una Jolette a loro destinata
Gravina in Puglia, 29 marzo 2021. Accompagnare i visitatori nella scoperta di bellezze naturali, zone umide, aree ricche di biodiversità e punti di interesse storico-culturale su coste, alture e montagne, creando percorsi tematici in Puglia e nella Grecia Occidentale. Ha puntato a questo il progetto P.A.T.H. finanziato nell’ambito del Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014/2020, conclusosi oggi alle 10.00 con la presentazione online dei risultati raggiunti cui hanno partecipato i vari partner insieme al presidente del Parco, Francesco Tarantini.

CONCLUSO IL PROGETTO P.A.T.H. FINANZIATO NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA INTERREG V-A GRECIA-ITALIA 2014/2020

Molteplici i risultati raggiunti tra cui la creazione di un logo che accompagnerà il percorso di candidatura del Parco a Geoparco UNESCO, la valorizzazione di tredici itinerari, la creazione di un sentiero per persone con bisogni speciali e l’acquisto di una Jolette a loro destinata
Gravina in Puglia, 29 marzo 2021. Accompagnare i visitatori nella scoperta di bellezze naturali, zone umide, aree ricche di biodiversità e punti di interesse storico-culturale su coste, alture e montagne, creando percorsi tematici in Puglia e nella Grecia Occidentale. Ha puntato a questo il progetto P.A.T.H. finanziato nell’ambito del Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014/2020, conclusosi oggi alle 10.00 con la presentazione online dei risultati raggiunti cui hanno partecipato i vari partner insieme al presidente del Parco, Francesco Tarantini.

GEOPASSI: 24 ITINERARI PER CELEBRARE LA GEODIVERSITÀ DEL PARCO

Pulo di Altamura - ph. Giuseppe Carlucci Un viaggio lungo la storia della terra al via il 14 marzo
 
Gravina in Puglia, 10 marzo 2021. “Geo” e “passi”, un binomio per visitare il Parco Nazionale dell’Alta Murgia tra passato e presente, alla scoperta di un patrimonio geologico ricco di grotte, lame, grave, inghiottitoi, laghetti carsici, creste rocciose e ripide scarpate. Geopassi è la nuova iniziativa realizzata dalle venti guide ufficiali del Parco e al via domenica 14 marzo, che si snoda in un fitto calendario di escursioni dedicato ai siti geologici più interessanti del territorio, che attraggono visitatori appassionati di carsismo e speleologia.

PROMOTING MY ASPIRING GEOPARK - PROROGA TERMINI ALLE ORE 17:00 DEL 23 MARZO 2021

Concorso Studentesco del Parco Nazionale dell’Alta Murgia nell’ambito del progetto P.A.T.H. finanziato dal programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014/2020

L’avviso “Promoting_my_aspiring_geopark” per l’ideazione del logo di candidatura a Geoparco-Unesco nell’ambito del progetto P.A.T.H. “Promoting Area Attractiveness through Hiking and Introducing a Different Touristic Approach”, è destinato alle classi di ragazzi di età compresa tra i 13 ed i 19 anni dei Comuni ricadenti nell’area del Parco.

AUTORIZZAZIONI PER LA RICERCA E RACCOLTA TARTUFI ALL’INTERNO DEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA

A partire dal 23/01/2021 è disponibile sul sito istituzionale dell’Ente all’indirizzo http://www.parcoaltamurgia.gov.it il modulo per la richiesta di autorizzazione per la ricerca e raccolta dei tartufi all’interno di questo Parco.
Le istanze devono essere presentate preferenzialmente per via telematica, tutti i campi del modulo devono essere compilati affinché l’istanza possa essere inoltrata.
È necessario disporre, al momento della compilazione del modulo, di marca da bollo da euro 16,00 il cui codice va inserito nell’apposita casella.
I documenti da allegare devono essere salvati in formato pdf e divisi in tre file differenti (documento di riconoscimento, tesserino per la raccolta e certificati anagrafici dei cani coinvolti nell’attività)
L’autorizzazione deve essere ritirata personalmente dagli interessati, muniti di documento di riconoscimento in corso di validità e di marca da bollo da euro 16,00, presso gli uffici dell’Ente in via Firenze n. 10 in Gravina in Puglia dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 previa comunicazione degli uffici.
L’autorizzazione consente la ricerca e la raccolta dei tartufi a partire dalla data di emissione del provvedimento autorizzativo e sino al 30/09/2021. Essa inoltre è riferita al periodo in cui è consentita la raccolta delle specie di tartufo elencate al comma 1 dell’articolo 2 della L.R. n. 8/2015 e nel rispetto del calendario di raccolta di cui all’art. 15 della predetta L.R. n. 8/2015. La raccolta deve avvenire secondo le modalità stabilite dalla succitata legge regionale.
L’autorizzazione ha carattere strettamente personale e deve essere esibita insieme al tesserino di raccolta ed ai tesserini sanitari o certificati di iscrizione all’anagrafe canina degli animali coinvolti nella ricerca, in fase di controllo da parte del Reparto Carabinieri del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.
All’interno del Parco è consentita la ricerca e la raccolta dei tartufi con solo due cani per raccoglitore.

Avviso - Istanza di autorizzazione - Comunicato

I DATI DEL REPARTO CARABINIERI PARCO ALTA MURGIA SULL’ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2020

Tutela del territorio e repressione degli illeciti: i dati del Reparto Carabinieri Parco Alta Murgia sull’attività svolta nel 2020  
Illeciti amministrativi in aumento, calano i reati accertati

Gravina in Puglia, 22 gennaio. Nel 2020 in aumento del 40% gli illeciti amministrativi nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia rispetto al 2019, per un totale di 167 reati e un ammontare in sanzioni di 370mila euro. Diminuiscono gli incendi boschivi e da pascolo passati rispettivamente da 14 a 8 e da 30 a 22, a cui corrisponde tuttavia un incremento della superficie di bosco bruciata, passata da 87 a 324 ettari. Un aumento collegato al grave incendio che ha interessato il bosco di Acquatetta a Minervino Murge, con oltre 250 ettari andati in fumo e il deferimento alla Procura di Trani di un agricoltore. Risulta invece inferiore l’area bruciata destinata al pascolo, che rispetto all’anno precedente si riduce da 1.250 a 530 ettari.