itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

CENTRO RICERCHE "BONOMO": L’ENTE PARCO TRASFORMA LA PROTESTA DEGLI EX DIPENDENTI IN PROPOSTA

La questione del Centro Ricerche “Bonomo” di Andria è stata al centro di un incontro tra l’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia, rappresentato dal Vice Presidente Cesareo Troia e dal Direttore Fabio Modesti, ed un gruppo di ex dipendenti del Centro Ricerche.
La richiesta di incontro da parte di questi ultimi è scaturita in seguito al comunicato diffuso dall’Ente Parco con il quale si è riproposto un progetto dell’Ente teso alla rivitalizzazione del Centro Ricerche attraverso il recupero funzionale di un fabbricato, nell’ambito del compendio della Fondazione “Bonomo”, e l’individuazione di linee di ricerca dal forte contenuto scientifico in campo ambientale ed agronomico. Il Vice Presidente dell’Ente Parco ha confermato la validità e la strategicità per tutto il territorio del Parco della proposta effettuata ormai dieci anni or sono, con la necessità di piccoli adeguamenti tecnici. Ha altresì confermato la necessità di attivare un tavolo di confronto con le Amministrazioni pubbliche coinvolte a vario titolo nella questione, a cominciare dalla Provincia BAT per finire ai 13 Comuni della Comunità del Parco ed alla Regione Puglia, quest’ultima in quanto gestore dei cospicui finanziamenti derivanti dai Fondi Strutturali. Non va esclusa, ovviamente, dal tavolo di confronto la famiglia Bonomo cui la Fondazione è intitolata e che persegue, per Statuto, le finalità di ricerca scientifica.
Il Direttore dell’Ente Parco ha rappresentato agli ex dipendenti, la forte prospettiva di qualificazione professionale che la proposta progettuale comporta. In tal senso, le figure già operanti all’interno del Centro Ricerche potrebbero essere di notevole ausilio.
Gli ex dipendenti del Centro Ricerche Bonomo hanno riconosciuto il ruolo e la funzione strategica dell’Ente Parco nella vicenda, prendendo atto che la proposta formulata cambia i connotati delle loro rivendicazioni trasformandole da protesta in proposta.
Dopo il periodo estivo, l’Ente parco attiverà il tavolo di confronto con gli attori principali della vicenda.
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn